La città parla, sottovoce, di Amarildo, non il giocatore eroe del 1962 che, infortunato Pelè, porta la Selecão alla vittoria con i suoi gol, il muratore scomparso tra il 13 e il 14 luglio dell’anno scorso, un anno esatto prima della finale amara di domani tra Germania e Argentina. Il muratore Amarildo va a pescare il 13 luglio, soldi extra per la famiglia nella comunidade (così si chiamano ora le favelas, per cancellare i pregiudizi) di Rocinha poi, fermato dalla polizia e rilasciato, scompare...

Continua a leggere sul sito de La Stampa